Uphill Flow Enthusiast

André Wagenknecht

André Wagenknecht:

il campione tedesco di Enduro si allena in modo mirato con l'eMountain bike

André Wagenknecht:

il campione tedesco di Enduro si allena in modo mirato con l'eMountain bike

Cinque buoni motivi per scegliere l'eMTB

Si riscopre completamente il proprio paese natale

Si riscopre completamente il proprio paese natale

Ovviamente, in linea di principio, ciò che si fa con una mountain bike lo si può fare anche a piedi, ma i progetti che mi incuriosivano li ho messi in pratica solamente con l'eMountain bike. Per me non è un problema se ogni tanto faccio un giro più corto. Spesso mi concedo piccole deviazioni, che grazie alla mappa del ciclocomputer all-in-one Nyon posso collegare tranquillamente al tour.

La risalita dopo l'infortunio e la malattia

La risalita dopo l'infortunio e la malattia

Dopo un infortunio e una malattia, è possibile risalire sulla mountain bike in tempo relativamente brevi. Protegge le articolazioni, può essere benefica per il sistema cardiocircolatorio e soprattutto è divertente. Questo per me è stato certamente il fattore più importante. Sapevo che la riabilitazione sarebbe stata lunga, ma grazie all'eMountain bike ho potuto tornare in fretta a divertirmi e mantenere alta la mia motivazione.

Organizza il tuo allenamento

Organizza il tuo allenamento

Ovviamente, ciò che funziona per la riabilitazione, va bene anche per l'allenamento. Posso controllare il mio allenamento in modo molto mirato. Da allora salgo molto più raramente sulla bici da corsa, poiché posso eseguire da solo le mie unità di base con l'eMountain bike. Collego la mia cintura cardio al ciclocomputer all-in-one Nyon e tengo sempre sott'occhio i valori di battito cardiaco e Watt.

Più divertimento per tutti

Più divertimento per tutti

Certamente il fattore più importante. È semplicemente divertente. Anche le salite ripide e tecniche diventano certamente difficili, ma anche accessibili. Posso regolare la quantità di supporto che desidero, individualizzando e godendomi quindi il flow. Tutti gli altri motivi confluiscono per me nel divertimento.

L'eMountain bike rende uguali.

L'eMountain bike rende uguali.

L'ho scoperto per la prima volta durante la riabilitazione. Ho fatto la guida in Croazia. La potevo comportarmi con tutti i partecipanti esattamente come loro con me. Eravamo un gruppo omogeneo e potevamo divertirci in tour e ci siamo semplicemente divertiti insieme. Senza supporto, il gruppo sarebbe stato di certo notevolmente più eterogeneo.

"Una piccola pioggia d'oro": André Wagenknecht parla della riabilitazione e dell'allenamento con l'eBike.

André Wagenknecht ci racconta come l'eMountain bike lo abbia motivato durante la riabilitazione e come lo abbia aiutato a riscoprire la propria patria e in che modo, da allora, è in grado di coordinare il suo allenamento con l'eMountain bike.

Originario del Vogtland, André Wagenknecht

a lungo tempo pratica il downhill e da alcuni anni raccoglie successi nell'Enduro. A differenza di molti altri, il "ragazzo", come lo chiamano gli amici, non proviene dal Cross Country, ma è entrato direttamente nel downhill negli Anni 90. Insieme a Cube ha progettato il Cube Carbon-Downhiller Two-15, riuscendo ad aggiudicarsi il primo campionato tedesco di MTB-Enduro nel 2014. Negli ultimi anni, André si è fatto un nome come pilota professionista e viene considerato il volto del boom della mountain bike in Sassonia.

Eppure, nella primavera 2016 il "ragazzo" ha dovuto ricominciare tutto daccapo.

Dopo una stagione 2015 piena di successi, André vuole sfruttare l'inverno per restare in forma, ma le prime analisi degli allenamenti sono sconfortanti. la tendenza verso il basso si rafforza e poco dopo arriva la sconfortante diagnosi: Mononucleosi. "Quindi, ho dovuto interrompere tutte le mie attività di allenamento da un giorno all'altro. Lo sforzo fisico era tabu e non era chiaro quanto tempo avrebbe impiegato il processo di guarigione". Il "ragazzo" può quindi dimenticare la propria forma fisica come pure la stagione 2016.

Un raggio di speranza è portato dal Cube Dealer-Camp in Istria.

Come pilota del Cube Action Team, André viene persuaso a fare un giro sul nuovo Cube eStereo. "Per me la corsa è stata incredibile. Finalmente di nuovo in movimento e, soprattutto, il battito cardiaco rimaneva basso anche in salita. Grazie ai livelli di supporto del Bosch Performance CX, la sollecitazione rimaneva nella fascia verde“. Ha fatto dei tour guidati con l'eBike in loco ed è stato subito convinto dalla nuova tecnologia.

 

"Con l'eBike ho potuto riscoprire la mia terra natale"

André Wagenknecht

Ritorno in Germania

André utilizzerà questo motore per tornare alla sua forma fisica precedente. È possibile definire dei programmi di allenamento con fasce di battito cardiaco estremamente ridotte, spiega si propri medici e gli si presentano nuovamente delle prospettive sportive. Ancora più importante per lui è la gioia di tornare a muoversi nella natura. "La lunga pausa mi ha fatto impazzire. Poter tornare su una bici a percorrere i trail di casa è stata un'esperienza incredibile". Per non doversi esclusivamente affidare alle proprie sensazioni, ricorre all'aiuto della tecnologia. Il ciclocomputer all-in-one Nyon gli mostra l'intensità di pedalata attuale in Watt, cosicché può adattare continuamente i livelli di supporto allo stato di allenamento attuale. Nyon può essere collegato via Bluetooth a diverse cinture con cardiofrequenzimetro, e così ha sempre sott'occhio gli intervalli dei valori durante l'allenamento. "Così, ho potuto allenarmi in modo controllato per tutta la fase di recupero e, soprattutto, non solo su strada, ma ho potuto finalmente tornare tra i boschi, nella natura".

Il "ragazzo" si allena soprattutto dalle parti del suo paese natale.

Qui ha degli amici che già da anni vanno con lui. Nelle immediate vicinanze c'è anche il bike park Schöneck. Egli ammette che l'enorme libertà offertagli dall'eBike, prima della malattia non riusciva neppure a immaginarsela. Ora non vuole più perdersi nulla. Anche dopo essere guarito dalla mononucleosi, continua a usare l'eBike con regolarità. "L'eBike mi consente sempre un allenamento controllato sul terreno. Ciò che finora era possibile solo con la bici da corsa, ora posso averlo anche nel bosco".

Considera l'eBike come un divertente attrezzo da allenamento,

come un supporto alla mobilità. ma non come un puro mezzo da competizione. Proprio tra i colleghi agonisti, l'eBike è tutt'altro che malvista. Molti professionisti utilizzano l'eBike per configurare il proprio allenamento in modo più controllato e intensivo. André ha quindi trascorso l'estate 2016 a provare diversi formati di competizione per eMTB. "Per me l'eBike significa divertimento e libertà, non propriamente gareggiare, ma posso immaginare che il futuro possa portare in questo campo uno o più formati di competizione adeguati e divertenti".

 

"Utilizzare l'eBike in modo mirato per l'allenamento"

André Wagenknecht

Intervista con André Wagenknecht:

Ciao André, vuoi presentarti brevemente?

Mi chiamo André Wagenknecht, provengo dalle vicinanze di Plauen.

Ormai sei un professionista da un tempo relativamente lungo. Da dove provieni originariamente? Com'è la tua evoluzione?

La mia evoluzione è relativamente facile da descrivere. Da bambino andavo spesso in bici e negli anni '90, credo che fosse l'ottobre del '95, ho partecipato alla prima gara. Sono attivo dal '96. Quindi, è da oltre 20 anni che resto attivamente in sella all'MTB. Ho vissuto molte esperienze, provengo di fatto dall'area del downhill. Contrariamente a molti altri, non ho iniziato dal cross-country, com'era solito negli anni '90. Siamo partiti direttamente dal downhill per hardtail, con molto dual slalom. Queste sono le mie origini, i miei inizi.

Ormai da un paio d'anni partecipi alle gare di Enduro. Come ci sei arrivato? Che cosa ti stimola di più?

Nel 2008, dopo essere diventato campione tedesco di downhill, in me si è aperto un vuoto. Volevo sperimentare qualcosa di nuovo. Dopo il passaggio a Cube, ho investito un po' di tempo per abituarmi a un nuovo tipo di bici da downhill. Era anche il periodo in cui si stava imponendo l'Enduro. Insieme al nostro team, il Cube Action Team, sono entrato nella scena dell'Enduro fin dall'inizio. Per me era una nuova sfida, e soprattutto un nuovo divertimento, trascorrere tutto il giorno in bici con altre persone, senza dover passare tempo ai box o sull'impianto di risalita. In discesa, era simile al downhill, che mi è sempre piaciuto.

Allora sei anche riuscito ad aggiudicarti il primo campionato tedesco. Da allora ti sei assentato a lungo per la prima volta. Cos'è successo?

Anche dopo la vittoria del titolo tedesco ho mantenuto delle forti motivazioni. Mi sentivo equilibrato e ho passato l'inverno ad allenarmi in modo strutturato. Poi ho comunque capito che qualcosa non andava. I test prestazionali hanno confermato la mia idea. In quel momento presumevano una semplice infezione influenzale. Tuttavia, continuava a crescere e alla fine mi è stata diagnosticata la mononucleosi. Per cui la stagione per me si era già conclusa. È stato davvero sconfortante: è passato molto tempo prima che potessi iniziare di nuovo piano piano, e comunque con molta cautela.

Che ruolo ha avuto l'eBike nella tua riabilitazione?

Nel suo piccolo, per me l'eBike è stata oro colato in quel periodo. I medici mi avevano completamente proibito la bicicletta, ma con la mia eBike potevo di nuovo andare in salita in modo molto controllato. La cosa è decollata quando in occasione di un evento per concessionari in Istria mi sono trovato a guidare un gruppo in eBike. Notavo che con l'eBike potevo allenarmi in modo strutturato, controllando il polso e soprattutto che mi stavo divertendo.

Quindi, da un lato è stato un divertimento, mentre dall'altro anche un vero stimolo a fare qualcosa nell'ambito dell'allenamento?

Esatto, la combinazione di divertimento e allenamento; ma esattamente con la bassa sollecitazione di cui necessitavo in quel periodo. Per me era l'ideale.

Vai ancora in eBike?

Lo dico sinceramente, uso l'eBike per l'allenamento a casa. Sempre un funzione del tempo che ho a disposizione e del mio piano di allenamento. Ma è indicata anche nei giorni a bassa intensità, in cui desidero comunque divertirmi in discesa e lavorare sulla tecnica. Intanto, sono tornato relativamente in fretta sull'eBike. Soprattutto, anche nei mesi invernali.

In che misura riesci a controllare l'allenamento con l'eBike?

All'inizio ho fatto molti esperimenti, c'erano pochi valori esperienziali. Mi sono occupato per la prima volta intensamente dell'aspetto tecnico. Cosa può fare il motore, come mi supporta, cosa mi toglie? Su quali aspetti posso incidere personalmente, anche il relazione alla selezione delle marce? Ora provo a usare l'eBike nell'allenamento in modo mirato, per mantenermi facilmente su un unico livello.

Riesci in qualche modo a mantenere il controllo? Oppure si tratta sempre di una questione di sensazione?

Mantengo il controllo. Posso controllare il battito del polso in modo semplicissimo sul ciclocomputer Nyon. Lì ho sotto controllo anche tutti gli altri parametri di allenamento, in modo da monitorarli ma anche pormi degli obiettivi.

Cosa ti diverte di più della guida con l'eBike?

Ho potuto riscoprire completamente la mia terra natale. Lungo il percorso che compio sempre ho improvvisamente trovato nuove varianti, perché ho semplicemente pensato: "lassù non ci se ancora andato, mentre adesso sei di nuovo in grado di salire velocemente". Attualmente me lo godo molto. Nei miei giri arrivano nuovi impulsi e nuove scoperte.

Pensi che sia opportuno e necessario sviluppare dei formati di competizione per le eBike?

Sarebbe sicuramente interessante. In questo ambito siamo ancora nella fase di sperimentazione. Nel 2016, io stesso ho sperimentato molto per conoscere nuovi formati di competizione. Ero al via al bike festival di Riva del Garda nonché all'Hillclimb, nel corso del Crankworx a Whistler. A ciò si aggiunge anche una pura gara di Enduro. Come ciclista ho ancora la possibilità di dare un contributo. Tuttavia dovrebbe essere il fattore divertimento in primo piano e non la gara.

Attualmente sei tra gli utenti di eBike un pioniere professionista dell'Enduro o ce ne sono altri? Qual è la percezione nel campo dei piloti?

La percezione è al 50/50, se dovessi giudicare a pelle. So per certo che anche i VIP si allenano sull'eBike, addirittura parecchi. Proprio perché nel frattempo in molti l'hanno provata. Penso anche che molti altri saliranno sull'eBike per l'allenamento. Ci sono stati tempi in cui anche noi abbiamo dovuto abituarci alle cose nuove. Ma penso che l'eBike si sia affermata o stia per farlo.

Hai degli obiettivi sportivi superiori per i prossimi anni oppure cosa desideri raggiungere?

Come ho detto, sono già da oltre 20 anni sulla scena delle competizioni. Voglio in ogni caso continuare a gareggiare, perché è una cosa che mi rimane dentro. È un istinto che non riesco proprio a frenare. Tuttavia, desidero anche sviluppare ulteriormente le mie esperienze. Attualmente, ciò mi diverte moltissimo. Proprio nel segmento dell'eBike il potenziale è ancora notevole.

Che rapporto hai con il Vogtland, la tua terra natale?

Sono molto legato al Vogtland. Si tratta di un'area fantastica per il mountain biking. Abbiamo tutte le possibilità dal downhill Enduro a super tour lungo percorsi in cresta, altrimenti utilizzati d'inverno per lo sci. Io sono dannatamente contento di stare in viaggio, percorro dannatamente volentieri diversi trail, ma sono anche dannatamente contento di tornare a casa.

Che cosa non bisogna perdersi in nessun caso da queste parti?

Qui negli ultimi anni è stato fatto così tanto che si hanno dei piccoli hotspot. Partendo dal bike park e dall'associazione di Schöneck, dal trailcenter di Rabenberg e, dal lato della Repubblica Ceca, BoziDar nonché il flowtrail di Klinovec. Qui nella regione ne approfittano intensivamente tutti e sperano che questi sviluppi vengano riconosciuti e in futuro anche promossi.

Che cos'è per te l'Uphill Flow?

Secondo me, nell'Uphill Flow l'elemento più importante è il flow. Lo si nota soprattutto in salita, cosa che altrimenti, con le biciclette normali, percepisco piuttosto in discesa. Riesco quindi a percepire con poca forza e facendo poca leva ciò che altrimenti riesco a percepire solamente in discesa. Per me, nell'uphill è un'esperienza completamente nuova.